Informazioni sul metodoMetamorfosi


Definizione

Il termine metamorfosi, di origine greca, significa mutamento, trasformazione o cambiamento. Il metodo omonimo, che si prefigge il raggiungimento di modifiche fisiche e psichiche nel paziente, prevede la manipolazione delle zone riflesse di mani, piedi, testa e dorso.

Origine

Negli anni Cinquanta il naturopata e riflessologo inglese Robert St. John (1914-1996), basandosi sull’osservazione dei propri pazienti sottoposti a varie terapie, giunse alla conclusione che le difficoltà vissute nel corso dell’esistenza siano da ricondurre all’esperienza prenatale. Su questi presupposti egli sviluppò un proprio metodo curativo, conosciuto inizialmente con il nome di terapia prenatale, che si basava sui principi della terapia a zone e del massaggio delle zone riflesse del piede. Robert St. John integrò i punti riflessi esistenti con un proprio sistema di punti, attraverso i quali influenzare le esperienze personali del soggetto precedenti alla sua nascita. Il metodo, successivamente interessato da processi di evoluzione e integrazione, venne infine denominato metamorfosi.

Fondamenti

La metamorfosi si basa sulla concezione che le cause dei disturbi fisici e mentali siano da ricercare nel periodo prenatale. Mediante il massaggio lieve di determinati punti e zone riflesse della testa, del dorso, delle mani e dei piedi è possibile accedere al periodo prenatale del paziente. Il trattamento mira a sciogliere tensioni, attivando un processo di guarigione con effetti positivi a livello tanto fisico quanto psicologico.

© 2020 Eskamed SA

Trovare terapeuta